Pietro Bembo – Né le dolci aure estive

Né le dolci aure estive,
Né ‘l vago mormorar d’onda marina,
Né tra fiorite rive
Donna passar leggiadra e pellegrina,
Fûr giamai medicina,
Che sanasse pensero infermo e grave,
Ch’io non gli haggia per nulla
Di quel piacer, che dentro mi trastulla
L’anima, di cui tene Amor la chiave:
Sì è dolce e soave.